ecoenrico

Un viaggio racconto nell’Appennino: tra Comuni Virtuosi e Comitato ‘Piano B’

In Comuni Virtuosi on 16 marzo 2011 at 00:37

[15 marzo 2011]

Un buon racconto è spesso un racconto di viaggio. È con questo spirito che il Comitato Piano B, visibilmente ispirato all’ opera di Lester Brown, economista, scrittore ed ambientalista statunitense, intraprende un viaggio nell’Appennino reggiano per scoprire e mettere a confronto le migliori soluzioni possibili e costruire insieme l’alternativa per una virtuosa amministrazione locale. 6 incontri per progettare un nuovo rapporto con il territorio, le persone, le istituzioni.

Democrazia, Ambiente, Energia, Alimentazione. L’obiettivo è dichiarato: progettare insieme l’alternativa e mettere a confronto le migliori soluzioni possibili. Dopo aver consegnato, a dicembre, ai sindaci di alcuni comuni della montagna il Manuale del buon amministratore locale (Ed. Altreconomia) ed essersi studiati l’esperienza dei Comuni Virtuosi, ora il gruppo apre uno spazio di dibattito e condivisione pubblica, che al primo incontro ha raccolto una quarantina di partecipanti attenti al futuro del proprio territorio.

Nelle diverse serate, verranno presentate esperienze messe in pratica da cittadini già personalmente e direttamente impegnati nella ricerca di soluzioni concrete, sviluppate nell’ambito domestico, scolastico o pubblico, a dimostrazione che le iniziative virtuose sono spesso una realtà già presente ed attiva e ci offrono l’opportunità di avviare una riflessione ormai non solo necessaria ma anche urgente.

In più occasioni, inoltre, i relatori del Comitato Piano B saranno affiancati da ospiti esperti nei vari temi. Lungo la via il Comitato Piano B proporrà la propria esperienza e le proprie aspettative, ma non meno interessante sarà comporre con i cittadini il diario di un percorso che restituisca l’immagine, spesso poco appariscente, di un Appennino virtuoso.

Le competenze e le esperienze raccolte strada facendo andranno a comporre un mosaico che sarà presentato ai cittadini e agli stessi sindaci nella serata conclusiva del 15 aprile.

Ivana del comitato ci racconta com’è nata l’idea, che parte da una precedente esperienza di mobilitazione locale attorno ad un progetto di centrale a biomassa a Fora di Cavola, sovradimensionato – agli occhi di molti cittadini – rispetto sia alla logica della filiera corta produttiva, e non accompagnato da politiche locali mirate al risparmio e all’efficienza energetica.

“La vicenda della centrale di Fora di Cavola ha una svolta decisiva il 31 ottobre 2010 dove 300/400 persone tra cui il sindaco di Toano assistono all’esposizione del prof. Federico Valerio. Sul tema è attivo da tempo il Comitato Ecologicamente, che aveva portato alla raccolta in precedenza di 1.500 firme di cittadini contrari all’impianto.

Pochi giorni dopo l’incontro, il Comune di Toano delibera all’unanimità, con il sostegno dell’opposizione, la modifica al piano regolatore, di fatto interdicendo l’uso dell’area al progetto previsto da Iren. L’assessore regionale Muzzarelli contemporaneamente sconfessa la linea di Iren, Provincia e Comunità montana. Iren ritira il progetto ed in questi giorni la Provincia di RE con Koinos, Consorzio coordinato da CNA, avvia sulla stessa area un progetto che a grandi linee ha aspetti di conformità con soluzioni proposte da comitati ed altri soggetti.

Nel frattempo Antonella lancia l’idea a un gruppo di amici di consegnare ai sindaci dei comuni montani il Manuale del buon amministratore locale di Stortone e Amura per Altraeconomia. L’idea ci sembra molto buona e troppo puntuale in relazione alla quantità di iniziative che muovono in Appennino. Soprattutto ci appare sempre più evidente che le criticità, maggiori o minori che siano, non andrebbero affrontate esclusivamente nei termini schematici e asciutti propri dell’economia. Per questo crediamo, che non bastino azioni di contenimento e di ordinaria gestione, bensì sia necessario un cambiamento di approccio a queste tematiche, in vista di nuovi progetti strutturali e più lungimiranti”.

Di qui alla costituzione del Comitato Piano B il passo è breve. Il primo atto è Fai un regalo al tuo Sindaco con la consegna a ciascun sindaco della montagna del Manuale del buon amministratore locale dedicato ad Angelo Vassallo, Sindaco di Pollica. Rivolto dagli autori agli amministratori e ai cittadini virtuosi, raccoglie decine di piccole ‘utopie’ che ovunque in Italia si sono felicemente tradotte in fatti e in soluzioni concrete; tra queste, alcune si sono realizzate proprio nella provincia reggiana.

Lungo la via il Viaggio nell’Appennino virtuoso ha raccolto il patrocinio delle riviste Valori, Altreconomia e del Cambiamento. Da parte nostra cogliamo volentieri la proposta di comporre, insieme ai cittadini ed agli amici che li seguiranno, il diario di questa esperienza. E se tutto va bene, attraverso gli Incontri del Cambiamento potremmo vedere sempre più bandierine di segnalazione accendersi in mezzo alla montagna reggiana.

Da: ilcambiamento.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: