ecoenrico

Milano Fiera: Fa la Cosa Giusta – Dettagli regionali

In EcoFiere on 4 marzo 2011 at 01:25

[25-27 marzo 2011]

Fa’ la cosa giusta!, fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili ospiterà espositori da ogni regione d’Italia.

L’unità all’insegna della sostenibilità. Ecco una delle parole d’ordine della nuova edizione di Fa’ la cosa giusta!, la fiera nazionale del consumo critico e degli stili di vita sostenibili che, dal 25 al 27 marzo ospiterà espositori provenienti da ognuna delle 20 regioni italiane.

L’Italia sarà rappresentata interamente, a partire dalla Valle d’Aosta, che sarà rappresentata dalla Saponeria vegetale Camden Town e dalla Falegnameria per bambini di Gino Chabod, fino alla Puglia, con i dolci di Fattoria della Mandorla e gli originali accessori di In-Effetti.

Naturalmente anche il centro Italia sarà presente, con i prodotti a filiera corta delle aziende agricole marchigiane (San Filippo) e abruzzesi (Mangiasano), le ironiche t-shirt prodotte da Made in Jail nel carcere romano di Rebibbia, le creazioni su carta del piccolo stampatore umbro Semiserie e, dal Molise, il controcorrente Movimento degli Uomini Casalinghi.

Il Nord-Est sarà presente con le creazioni carcerarie di Rio Terà dei Pensieri (Venezia), i capi e gli accessori in materiali di recupero, realizzati dai triestini di L180.it e l’innovativa consegna a domicilio di frutta e ortaggi biologici offerta dagli altoatesini di BioExpress. Ma il Nord-Ovest non sarà da meno, con un’ampia varietà di prodotti, tra cui i capi di cotone biologico realizzati dai piemontesi di Altriluoghi, l’allevamento di branzini e orate in mare aperto offerte dai liguri di Aqua, le bici per ogni esigenza fornite dalla milanese Stazione delle biciclette, in testa alla folta delegazione di espositori lombardi.

Non mancheranno Toscana ed Emilia-Romagna, tradizionali culle della sostenibilità in salsa italiana, con gli arredamenti su misura in legno certificato, realizzati dal toscano Mobilificio Fattorini, e il giardinaggio cittadino proposto dai romagnoli di Orti Urbani.

E come potrebbe essere completa la penisola senza il profondo Sud, che sarà a Fa’ la cosa giusta! 2011 con le fattorie didattiche e le proposte di autoproduzione dell’azienda lucana BioAgriSalute, dall’abbigliamento biologico e naturale realizzato dai beneventani di In Canapa e dalle coraggiose appartenenti al Movimento Donne San Luca (Reggio Calabria), che porteranno in fiera i loro tessuti tradizionali la cui trama è intessuta di dignità e legalità.

Dulcis in fundo le isole, rappresentante dall’impegno sociale del Laboratorio Don Puglisi (cioccolato di modica equosolidale e biologico, a sostegno di una Casa di Accoglienza per ragazze madri), dal turismo etico di Addiopizzo Travel (escursioni e itinerari garantiti “pizzo-free”) e dai cosmetici di Iliana Cosmesi Naturale: biologici, estratti da piante aromatiche ed essenze della natura sarda.

Il 150° anniversario dell’Unità d’Italia sarà anche celebrato, venerdì 25 marzo, con lo spettacolo teatrale Italiani si diventa!, a cura di Cooperativa La nuvola nel sacco e ACLI, che sarà dedicato alle scuole primarie. Sarà l’occasione per una divertente lezione su un pezzo fondamentale della storia italiana.

Oltre alle regioni italiane, quest’anno la grande protagonista sarà l’alimentazione, con una sezione speciale completamente dedicata al cibo buono e giusto: non solo agricoltura biologica o biodinamica, produttori a filiera corta o a km zero, ma anche ricette contro lo spreco e percorsi interattivi alla scoperta dei nostri prodotti culinari.

Non finisce qui: oltre allo shopping a qualità totale (bello, buono, giusto e verde) e ai laboratori di auto-produzione, Fa’ la cosa giusta! offrirà anche un ampio programma di incontri culturali e molti momenti di convivialità con degustazioni e punti ristoro tanto sostenibili quanto gustosi.

FA’ LA COSA GIUSTA! 2011
da venerdì 25 a domenica 27 marzo
fieramilanocity, viale Scarampo 14, Milano (MM1 Lotto Fiera)
padiglioni 2 e 4, ingresso da Porta Scarampo

Ingresso con catalogo, acquistabile all’entrata al prezzo di 6 euro.
L’acquisto di una copia del libro Vestiti che fanno male di Rita Dalla Rosa (in vendita all’entrata a 10 euro) permette l’ingresso per i 3 giorni della fiera.
Per i minori di 14 anni l’ingresso è libero.

Da: ilsostenibile.it

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: